• DSC_0144_1680x400.jpg
  • DSC_0054_1680x400.jpg
  • DSC_0208_1680x400.jpg
  • DSC_0046_1680x400.jpg
  • DSC_0125_1680x400.jpg
  • DSC_0112_1680x400.jpg
  • DSC_0137_1680x400.jpg
  • DSC_0126_1680x400.jpg
  • DSC_0218_1680x400.jpg
  • DSC_0096_1680x400.jpg
  • IMG_2818_mod_1680x400.jpg
  • DSC_0053_1680x400.jpg
  • DSC_0134_1680x400.jpg
  • DSC_0012_1680x400.jpg
  • DSC_0035_1680x400.jpg
  • DSC_0030_1680x400.jpg
  • DSC_0041_1680x400.jpg
  • DSC_0100_1680x400.jpg
  • DSC_0224_1680x400.jpg
  • DSC_0106_1680x400.jpg

Il Prodotto

L’acciaio non protetto ed esposto agli agenti atmosferici è soggetto alla corrosione. Il costo della corrosione è stimato in circa il 4% del prodotto interno lordo di un paese industriale. Per evitare danneggiamenti da corrosione, le strutture di acciaio devono essere protette per resistere alle sollecitazioni corrosive per tutto il tempo di vita richiesto dalla struttura.
La zincatura a caldo offre un’ottima soluzione al problema della corrosione  delle superfici metalliche. Lo strato di zinco fuso reagisce con la superficie metallica del manufatto diventando un tutt’uno con essa.
La zincatura protegge il materiale in due modi complementari: all’effetto barriera che lo zinco esercita frapponendosi ed isolando la superficie dall’azione dell’ossigeno e delle specie ossidanti, si aggiunge la protezione catodica, un fenomeno elettrochimico che impedisce al ferro di ossidarsi. In caso di scalfitture che espongono la superficie sottostante all’ambiente esterno lo strato di zinco circostante si corroderà  salvaguardando l’acciaio del manufatto. La zincatura può essere effettuata su ogni elemento in acciaio: dalle strutture portanti di una costruzione agli arredi e alle minuterie. 
Per ottenere una buona zincatura è necessaria la collaborazione tra il progettista, il costruttore e lo zincatore.

Scarica il manuale "Buone Pratiche per la Zincatura a Caldo"